Storico delle modifiche apportate all'articolo 1196 Codice della Navigazione aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 1196 (Inosservanza delle norme sull'abbandono della nave e sull'obbligo di consultazione dell'equipaggio).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 1196 Inosservanza delle norme sull'abbandono della nave e sull'obbligo di consultazione dell'equipaggio

    Vigente dal: 15/01/2000 Vigente al:
    Testo precedente
    Inosservanza delle norme sull'abbandono della nave e sull'obbligo di consultazione dell'equipaggio
    1. Il comandante, che in caso di abbandono della nave o dell'aeromobile in pericolo non osserva le norme stabilite dal presente codice, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi ovvero con l'ammenda fino a lire cinquemila.
    2. La stessa pena si applica al comandante, che omette di sentire il parere dei componenti dell'equipaggio, nei casi in cui tale parere è richiesto.
    Testo modificato
    Inosservanza delle norme sull'abbandono della nave e sull'obbligo di consultazione dell'equipaggio
    1. Il comandante, che in caso di abbandono della nave o dell'aeromobile in pericolo non osserva le norme stabilite dal presente codice, è punito, qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi ovvero con l'ammenda fino a lire cinquemila.
    2. La stessa sanzione si applica al comandante, che omette di sentire il parere dei componenti dell'equipaggio, nei casi in cui tale parere è richiesto.
    Il D.Lgs. 30 dicembre 1999, n. 507, ha disposto (con l'art. 14, comma 3, lettera a)) che "nel primo comma le parole "qualora il fatto non costituisca un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi ovvero con l'ammenda fino a lire un milione" sono sostituite dalle seguenti: "se il fatto non costituisce reato, con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire due milioni a lire dodici milioni"."