Storico delle modifiche apportate all'articolo 32 Codice della Navigazione aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 32 (Delimitazione di zone del demanio marittimo).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 32 Delimitazione di zone del demanio marittimo

    Vigente dal: 15/09/1954 Vigente al:
    Testo precedente
    Delimitazione di zone del demanio marittimo
    1. Il capo del compartimento, quando sia necessario o se comunque ritenga opportuno promuovere la delimitazione di determinate zone del demanio marittimo, invita, nei modi stabiliti dal regolamento, le pubbliche amministrazioni e i privati che possono avervi interesse a presentare le loro deduzioni e ad assistere alle relative operazioni.
    2. Le contestazioni che sorgono nel corso della delimitazione sono risolte in via amministrativa dal ministro per le comunicazioni di concerto con quello per le finanze. Nelle controversie innanzi alle autorità giurisdizionali, la tutela dei beni demaniali spetta esclusivamente al ministro per le finanze.
    Testo modificato
    Delimitazione di zone del demanio marittimo
    1. Il capo del compartimento, quando sia necessario o se comunque ritenga opportuno promuovere la delimitazione di determinate zone del demanio marittimo, invita, nei modi stabiliti dal regolamento, le pubbliche amministrazioni e i privati che possono avervi interesse a presentare le loro deduzioni e ad assistere alle relative operazioni.
    2. Le contestazioni che sorgono nel corso della delimitazione sono risolte in via amministrativa dal direttore marittimo, di concerto con l'intendente di finanza, con provvedimento definitivo.
    3. In caso di accordo di tutte le parti interessate il provvedimento del direttore marittimo dà atto nel relativo processo verbale dell'accordo intervenuto.
    4. Negli altri casi il provvedimento deve essere comunicato, con i relativi documenti, al Ministro
    per la marina mercantile, il quale entro sessanta giorni dalla ricezione può annullarlo con suo decreto, da notificarsi, entro i dieci giorni successivi, agli interessati per tramite del direttore marittimo.
    5. In caso di annullamento, la risoluzione in via amministrativa della contestazione spetta al Ministro per la marina mercantile,
    di concerto con quello per le finanze.
    6.
    Nelle controversie innanzi alle autorità giurisdizionali, la tutela dei beni demaniali spetta esclusivamente al Ministro per le finanze.