Storico delle modifiche apportate all'articolo 944 Codice della Navigazione aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 944 (Cessione del diritto al trasporto).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 944 Cessione del diritto al trasporto

    Vigente dal: 19/08/1954 Vigente al: 20/10/2005
    Testo precedente
    Responsabilità e limiti del risarcimento nel trasporto di bagagli non consegnati
    1. Il vettore risponde della perdita e delle avarie dei bagagli non consegnatigli e degli oggetti in genere che il viaggiatore conserva presso di sè, dall'inizio delle operazioni d'imbarco al compimento di quelle di sbarco, quando il passeggero provi che la perdita o le avarie sono state determinate da causa imputabile al vettore.
    2. Tuttavia il risarcimento dovuto dal vettore, in caso di responsabilità non determinata da dolo o colpa grave sua o dei suoi dipendenti e preposti, non può essere superiore alla cifra complessiva di seimila lire per ciascun passeggero.
    Testo modificato
    Responsabilità e limiti del risarcimento nel trasporto di bagagli non consegnati
    1. Il vettore risponde della perdita e delle avarie dei bagagli non consegnatigli e degli oggetti in genere che il viaggiatore conserva presso di sè, dall'inizio delle operazioni d'imbarco al compimento di quelle di sbarco, quando il passeggero provi che la perdita o le avarie sono state determinate da causa imputabile al vettore.
    2. Tuttavia il risarcimento dovuto dal vettore, in caso di responsabilità non determinata da dolo o colpa grave sua o dei suoi dipendenti e preposti, non può essere superiore alla cifra complessiva di duecentodiecimila lire per ciascun passeggero.
  2. Art. 944 Cessione del diritto al trasporto

    Vigente dal: 21/10/2005 Vigente al:
    Testo precedente
    Responsabilità e limiti del risarcimento nel trasporto di bagagli non consegnati
    1. Il vettore risponde della perdita e delle avarie dei bagagli non consegnatigli e degli oggetti in genere che il viaggiatore conserva presso di sè, dall'inizio delle operazioni d'imbarco al compimento di quelle di sbarco, quando il passeggero provi che la perdita o le avarie sono state determinate da causa imputabile al vettore.
    2. Tuttavia il risarcimento dovuto dal vettore, in caso di responsabilità non determinata da dolo o colpa grave sua o dei suoi dipendenti e preposti,
    non può essere superiore alla cifra complessiva di duecentodiecimila lire per ciascun passeggero.
    Testo modificato
    Cessione del diritto al trasporto
    Il diritto al trasporto non può essere ceduto senza il consenso del vettore, se il biglietto indica il nome del passeggero o se, mancando questa indicazione, il passeggero ha iniziato il viaggio.