Storico delle modifiche apportate all'articolo 952 Codice della Navigazione aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 952 (Responsabilità del vettore per mancata esecuzione del trasporto).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 952 Responsabilità del vettore per mancata esecuzione del trasporto

    Vigente dal: 19/08/1954 Vigente al: 28/05/2006
    Testo precedente
    Limite del risarcimento
    1. Il risarcimento dovuto dal vettore in caso di responsabilità non determinata da dolo o colpa grave sua o dei suoi dipendenti e preposti non può essere superiore a lire trecento per chilogramma di merce caricata, o alla maggior cifra corrispondente al valore effettivo delle cose trasportate, dichiarato dal mittente anteriormente alla caricazione.
    2. Il valore dichiarato dal mittente si presume come valore effettivo delle cose trasportate, fino a prova contraria.
    Testo modificato
    Limite del risarcimento
    1. Il risarcimento dovuto dal vettore in caso di responsabilità non determinata da dolo o colpa grave sua o dei suoi dipendenti e preposti non può essere superiore a lire diecimila per chilogramma di merce caricata, o alla, maggiore cifra corrispondente al valore effettivo delle cose trasportate, dichiarato dal mittente anteriormente alla caricazione.
    2. Il valore dichiarato dal mittente si presume come valore effettivo delle cose trasportate, fino a prova contraria.
  2. Art. 952 Responsabilità del vettore per mancata esecuzione del trasporto

    Vigente dal: 29/05/2006 Vigente al:
    Testo precedente
    Limite del risarcimento
    1. Il risarcimento dovuto dal vettore in caso di responsabilità non determinata da dolo o colpa grave sua o dei suoi dipendenti e preposti non può essere superiore a lire diecimila per chilogramma di merce caricata, o alla, maggiore cifra corrispondente al valore effettivo delle cose trasportate, dichiarato dal mittente anteriormente alla caricazione.
    2. Il valore dichiarato dal mittente si presume come valore effettivo delle cose trasportate, fino a prova contraria.
    Testo modificato
    Responsabilità del vettore per mancata esecuzione del trasporto
    1. Il vettore è responsabile dei danni derivati dalla mancata esecuzione del trasporto delle cose, a meno che non provi che egli stesso e i suoi dipendenti e preposti hanno preso tutte le misure necessarie e possibili, secondo la normale diligenza, per evitare il danno oppure che era loro impossibile adottarle.
    2. Il risarcimento dovuto dal vettore è limitato in conformità della disciplina che la normativa internazionale in vigore nella Repubblica adotta nel regolare la responsabilità per ritardo.