Storico delle modifiche apportate all'articolo 247 Codice Civile aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 247 c.c. (Legittimazione passiva.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 247 c.c. Legittimazione passiva.

    Vigente dal: 20/09/1975 Vigente al:
    Testo precedente
    Legittimazione passiva
    1. L'azione è proposta contro il figlio, se è maggiore d'età, e, se è minore o interdetto, in contraddittorio di un curatore nominato dal tribunale davanti al quale il giudizio è promosso. Nel caso di minore emancipato o di maggiore inabilitato l'azione è proposta contro il figlio assistito da un curatore parimenti nominato dal tribunale.
    2. Nel giudizio deve in tutti i casi essere chiamata la madre.
    Testo modificato
    Legittimazione passiva
    1. Il presunto padre, la madre ed il figlio sono litisconsorti necessari nel giudizio di disconoscimento.
    2. Se una delle parti è minore o interdetta, l'azione è proposta in contraddittorio con un curatore nominato dal giudice davanti al quale il giudizio deve essere promosso.
    3. Se una delle parti è un minore emancipato o un maggiore inabilitato, l'azione è proposta contro
    la stessa assistita da un curatore parimenti nominato dal giudice.
    4. Se il presunto padre o la madre o il figlio sono morti l'azione si propone nei confronti delle persone indicate nell'articolo precedente o, in loro mancanza, nei confronti di un curatore parimenti nominato dal giudice.

Argomenti