Storico delle modifiche apportate all'articolo 248 Codice Civile aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 248 c.c. (Legittimazione all'azione di contestazione dello stato di figlio. Imprescrittibilità.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 248 c.c. Legittimazione all'azione di contestazione dello stato di figlio. Imprescrittibilità.

    Vigente dal: 20/09/1975 Vigente al: 06/02/2014
    Testo precedente
    Legittimazione all'azione di contestazione della legittimità. Imprescrittibilità
    1. L'azione per contestare la legittimità, sia essa fondata sulla nullità del matrimonio ovvero sulla supposizione di parto o sulla sostituzione di neonato ovvero sulla nascita del figlio dopo trecento giorni dallo scioglimento o annullamento del matrimonio, spetta a chi dall'atto di nascita del figlio risulti suo genitore e a chiunque vi abbia interesse.
    2. L'azione è imprescrittibile.
    3. Nel caso in cui l'azione sia proposta contro il figlio minore o altrimenti incapace, si osservano le disposizioni dell'articolo precedente.
    4. Nel giudizio devono essere chiamati entrambi i genitori.
    Testo modificato
    Legittimazione all'azione di contestazione della legittimità. Imprescrittibilità
    1. L'azione per contestare la legittimità spetta a chi dall'atto di nascita del figlio risulti suo genitore e a chiunque vi abbia interesse.
    2. L'azione è imprescrittibile.
    3. Quando l'azione è proposta nei confronti di persone premorte o minori o altrimenti incapaci, si osservano le disposizioni dell'articolo precedente.
    4. Nel giudizio devono essere chiamati entrambi i genitori.
  2. Art. 248 c.c. Legittimazione all'azione di contestazione dello stato di figlio. Imprescrittibilità.

    Vigente dal: 07/02/2014 Vigente al:
    Testo precedente
    Legittimazione all'azione di contestazione della legittimità. Imprescrittibilità
    1. L'azione per contestare la legittimità spetta a chi dall'atto di nascita del figlio risulti suo genitore e a chiunque vi abbia interesse.
    2. L'azione è imprescrittibile.
    3. Quando l'azione è proposta nei confronti di persone premorte o minori o altrimenti incapaci, si osservano le disposizioni dell'articolo precedente.
    4. Nel giudizio devono essere chiamati entrambi i genitori.
    Testo modificato
    Legittimazione all'azione di contestazione dello stato di figlio. Imprescrittibilità
    1. L'azione di contestazione dello stato di figlio spetta a chi dall'atto di nascita del figlio risulti suo genitore e a chiunque vi abbia interesse.
    2. L'azione è imprescrittibile.
    3. Quando l'azione è proposta nei confronti di persone premorte o minori o altrimenti incapaci, si osservano le disposizioni dell'articolo precedente.
    4. Nel giudizio devono essere chiamati entrambi i genitori.
    5. Si applicano il sesto comma dell'articolo 244 e il secondo comma dell'articolo 245.

Argomenti