Storico delle modifiche apportate all'articolo 2502 Codice Civile aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 2502 c.c. ( Decisione in ordine alla fusione.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 2502 c.c. Decisione in ordine alla fusione.

    Vigente dal: 07/02/1991 Vigente al: 31/12/2003
    Testo precedente
    Deliberazione di fusione
    1. La fusione deve essere deliberata da ciascuna delle società che vi partecipano.
    2. La deliberazione di fusione deve essere depositata per l'iscrizione presso l'ufficio
    del registro delle imprese, insieme con la situazione patrimoniale della società al tempo della deliberazione, a norma del primo, secondo e terzo comma dell'art. 2411.
    Testo modificato
    Deliberazione di fusione
    La fusione deve essere deliberata da ciascuna delle società che vi partecipano mediante l'approvazione del relativo progetto.
  2. Art. 2502 c.c. Decisione in ordine alla fusione.

    Vigente dal: 01/01/2004 Vigente al:
    Testo precedente
    Deliberazione di fusione
    La fusione deve essere deliberata da ciascuna delle società che vi partecipano mediante l'approvazione del relativo progetto.
    Testo modificato
    Decisione in ordine alla fusione
    1. La fusione è decisa da ciascuna delle società che vi partecipano mediante approvazione del relativo progetto. Se l'atto costitutivo o lo statuto non dispongono diversamente, tale approvazione avviene, nelle società di persone, con il consenso della maggioranza dei soci determinata secondo la parte attribuita a ciascuno negli utili, salva la facoltà di recesso per il socio che non abbia consentito alla fusione e, nelle società di capitali, secondo le norme previste per la modificazione dell'atto costitutivo o statuto.
    2. La decisione di fusione può apportare al progetto di cui all'articolo 2501-ter solo le modifiche che non incidono sui diritti dei soci o dei terzi.