Storico delle modifiche apportate all'articolo 2941 Codice Civile aggiornato al 2019

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 2941 c.c. ( Sospensione per rapporti tra le parti.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 2941 c.c. Sospensione per rapporti tra le parti.

    Vigente dal: 20/09/1975 Vigente al: 06/02/2014
    Testo precedente
    Sospensione per rapporti tra le parti
    La prescrizione rimane sospesa:
    1) tra i coniugi;
    2) tra chi esercita la patria potestà o i poteri a essa inerenti e le persone che vi sono sottoposte;
    3) tra il tutore e il minore o l'interdetto soggetti alla tutela, finchè non sia stato reso e approvato il conto finale, salvo quanto è disposto dall'art. 387 per le azioni relative alla tutela;
    4) tra il curatore e il minore emancipato o l'inabilitato;
    5) tra l'erede e l'eredità accettata con beneficio d'inventario;
    6) tra le persone i cui beni sono sottoposti per legge o per provvedimento del giudice all'amministrazione altrui e quelle da cui l'amministrazione è esercitata, finchè non sia stato reso e approvato definitivamente il conto;
    7) tra le persone giuridiche e i loro amministratori, finchè sono in carica, per le azioni di responsabilità contro di essi;
    8) tra il debitore che ha dolosamente occultato l'esistenza del debito e il creditore, finchè il dolo non sia stato scoperto.
    Testo modificato
    Sospensione per rapporti tra le parti
    La prescrizione rimane sospesa:
    1) tra i coniugi;
    2) tra chi esercita la potestà di cui all'articolo 316 o i poteri a essa inerenti e le persone che vi sono sottoposte;
    3) tra il tutore e il minore o l'interdetto soggetti alla tutela, finchè non sia stato reso e approvato il conto finale, salvo quanto è disposto dall'art. 387 per le azioni relative alla tutela;
    4) tra il curatore e il minore emancipato o l'inabilitato;
    5) tra l'erede e l'eredità accettata con beneficio d'inventario;
    6) tra le persone i cui beni sono sottoposti per legge o per provvedimento del giudice all'amministrazione altrui e quelle da cui l'amministrazione è esercitata, finchè non sia stato reso e approvato definitivamente il conto;
    7) tra le persone giuridiche e i loro amministratori, finchè sono in carica, per le azioni di responsabilità contro di essi;
    8) tra il debitore che ha dolosamente occultato l'esistenza del debito e il creditore, finchè il dolo non sia stato scoperto.
  2. Art. 2941 c.c. Sospensione per rapporti tra le parti.

    Vigente dal: 07/02/2014 Vigente al:
    Testo precedente
    Sospensione per rapporti tra le parti
    La prescrizione rimane sospesa:
    1) tra i coniugi;
    2) tra chi esercita la potestà di cui all'articolo 316 o i poteri a essa inerenti e le persone che vi sono sottoposte;
    3) tra il tutore e il minore o l'interdetto soggetti alla tutela, finchè non sia stato reso e approvato il conto finale, salvo quanto è disposto dall'art. 387 per le azioni relative alla tutela;
    4) tra il curatore e il minore emancipato o l'inabilitato;
    5) tra l'erede e l'eredità accettata con beneficio d'inventario;
    6) tra le persone i cui beni sono sottoposti per legge o per provvedimento del giudice all'amministrazione altrui e quelle da cui l'amministrazione è esercitata, finchè non sia stato reso e approvato definitivamente il conto;
    7) tra le persone giuridiche e i loro amministratori, finchè sono in carica, per le azioni di responsabilità contro di essi;
    8) tra il debitore che ha dolosamente occultato l'esistenza del debito e il creditore, finchè il dolo non sia stato scoperto.
    Testo modificato
    Sospensione per rapporti tra le parti
    La prescrizione rimane sospesa:
    1) tra i coniugi;
    2) tra chi esercita la responsabilità genitoriale di cui all'articolo 316 o i poteri a essa inerenti e le persone che vi sono sottoposte;
    3) tra il tutore e il minore o l'interdetto soggetti alla tutela, finchè non sia stato reso e approvato il conto finale, salvo quanto è disposto dall'art. 387 per le azioni relative alla tutela;
    4) tra il curatore e il minore emancipato o l'inabilitato;
    5) tra l'erede e l'eredità accettata con beneficio d'inventario;
    6) tra le persone i cui beni sono sottoposti per legge o per provvedimento del giudice all'amministrazione altrui e quelle da cui l'amministrazione è esercitata, finchè non sia stato reso e approvato definitivamente il conto;
    7) tra le persone giuridiche e i loro amministratori, finchè sono in carica, per le azioni di responsabilità contro di essi;
    8) tra il debitore che ha dolosamente occultato l'esistenza del debito e il creditore, finchè il dolo non sia stato scoperto.