Storico delle modifiche apportate all'articolo 571 Codice Civile aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 571 c.c. ( Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 571 c.c. Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle.

    Vigente dal: 20/09/1975 Vigente al:
    Testo precedente
    Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle
    1. Se coi genitori o con uno soltanto di essi concorrono fratelli e sorelle germani del defunto, tutti sono ammessi alla successione del medesimo per capi, purchè in nessun caso la quota, in cui succedono i genitori o uno di essi, sia minore del terzo.
    2. Se vi sono fratelli e sorelle unilaterali, ciascuno di essi consegue la metà della quota che consegue ciascuno dei germani o dei genitori, salva in ogni caso la quota del terzo in favore di questi ultimi.
    3. Se entrambi i genitori non possono o non vogliono venire alla successione e vi sono ulteriori ascendenti a questi ultimi si devolve, nel modo determinato dell'art. 569, la quota che sarebbe spettata a uno dei genitori in mancanza dell'altro.
    Testo modificato
    Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle
    1. Se coi genitori o con uno soltanto di essi concorrono fratelli e sorelle germani del defunto, tutti sono ammessi alla successione del medesimo per capi, purchè in nessun caso la quota, in cui succedono i genitori o uno di essi, sia minore della metà.
    2. Se vi sono fratelli e sorelle unilaterali, ciascuno di essi consegue la metà della quota che consegue ciascuno dei germani o dei genitori, salva in ogni caso la quota della metà in favore di questi ultimi.
    3. Se entrambi i genitori non possono o non vogliono venire alla successione e vi sono ulteriori ascendenti, a questi ultimi si devolve, nel modo determinato dall'articolo 569, la quota che sarebbe spettata a uno dei genitori in mancanza dell'altro.