Art. 614 c.p. Violazione di domicilio.

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2018

Note

Ai sensi dell'art. 6 D.lgs. 216/2017 l'intercettazione di comunicazioni tra presenti nei luoghi indicati dall'articolo 614 del codice penale non puo' essere eseguita mediante l'inserimento di un captatore informatico su dispositivo elettronico portatile quando non vi e' motivo di ritenere che ivi si stia svolgendo l'attivita' criminosa.

Giurisprudenza

Cassazione Penale SS.UU. Sentenza 28 apr 2016, n. 26889

L'intercettazione di comunicazioni tra presenti mediante l'installazione di un captatore informatico in un dispositivo elettronico è consentita nei soli procedimenti per delitti di criminalità organizzata per i quali trova applicazione la disciplina di cui all'art. 13 del D.L. n. 151 del 1991, convertito dalla legge n. 203 del 1991, che consente la captazione anche nei luoghi di privata dimora, senza necessità di preventiva individuazione ed indicazione di tali luoghi e prescindendo dalla dimostrazione che siano sedi di attività criminosa in atto. (In motivazione la Corte ha sottolineato che, in considerazione della forza intrusiva del mezzo usato, la qualificazione del fatto reato, ricompreso nella nozione di criminalità organizzata, deve risultare ancorata a sufficienti, sicuri e obiettivi elementi indiziari, evidenziati nella motivazione del provvedimento di autorizzazione in modo rigoroso).