Storico delle modifiche apportate all'articolo 627 Codice Penale aggiornato al 2019

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 627 c.p. ( Sottrazione di cose comuni.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 627 c.p. Sottrazione di cose comuni.

    Vigente dal: 06/02/2016 Vigente al:
    Testo precedente
    Sottrazione di cose comuni
    1. Il comproprietario, socio o coerede che, per procurare a sè o ad altri un profitto, si impossessa della cosa comune, sottraendola a chi la detiene, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione fino a due anni o con la multa da lire quarantamila a quattrocentomila.
    2. Non è punibile chi commette il fatto su cose fungibili, se il valore di esse non eccede la quota a lui spettante.
    Testo modificato
    Sottrazione di cose comuni
    [abrogato]