Storico delle modifiche apportate all'articolo 767 Codice di Procedura Civile aggiornato al 2019

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 767 c.p.c. ( Alterazioni nello stato dei sigilli.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 767 c.p.c. Alterazioni nello stato dei sigilli.

    Vigente dal: 21/03/1998 Vigente al:
    Testo precedente
    Alterazioni nello stato dei sigilli
    1. L'ufficiale che procede alla rimozione dei sigilli deve innanzitutto riconoscerne lo stato.
    2. Se trova in essi qualche alterazione, deve sospendere ogni operazione ulteriore, facendone immediatamente rapporto al pretore, il quale si trasferisce sul luogo per le verificazioni occorrenti e per i provvedimenti necessari anche per la prosecuzione dell'inventario.
    Testo modificato
    Alterazioni nello stato dei sigilli
    1. L'ufficiale che procede alla rimozione dei sigilli deve innanzitutto riconoscerne lo stato.
    2. Se trova in essi qualche alterazione, deve sospendere ogni operazione ulteriore, facendone immediatamente rapporto al giudice, il quale si trasferisce sul luogo per le verificazioni occorrenti e per i provvedimenti necessari anche per la prosecuzione dell'inventario.
    Il D.Lgs. 19 febbraio 1998, n. 51 ha disposto (con l'art. 247, comma 1) che "Il presente decreto legislativo entra in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e diventa efficace decorso il termine stabilito dall'articolo 1, comma 1, lettera r), della legge 16 luglio 1997, n. 254, fatta eccezione per le disposizioni previste dagli articoli 17, 33, comma 1, 38, comma 1 e 40, commi 1 e 3."