Storico delle modifiche apportate all'articolo 408 Codice di Procedura Penale aggiornato al 2019

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 408 c.p.p. ( Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 408 c.p.p. Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato.

    Vigente dal: 16/10/2013 Vigente al: 02/08/2017
    Testo precedente
    Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato
    1. Entro i termini previsti dagli articoli precedenti, il pubblico ministero, se la notizia di reato è infondata, presenta al giudice richiesta di archiviazione. Con la richiesta è trasmesso il fascicolo contenente la notizia di reato, la documentazione relativa alle indagini espletate e i verbali degli atti compiuti davanti al giudice per le indagini preliminari.
    2. L'avviso della richiesta è notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa che, nella notizia di reato o successivamente alla sua presentazione, abbia dichiarato di volere essere informata circa l'eventuale archiviazione.
    3. Nell'avviso è precisato che, nel termine di dieci giorni, la persona offesa può prendere visione degli atti e presentare opposizione con richiesta motivata di prosecuzione delle indagini preliminari.
    Testo modificato
    Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato
    1. Entro i termini previsti dagli articoli precedenti, il pubblico ministero, se la notizia di reato è infondata, presenta al giudice richiesta di archiviazione. Con la richiesta è trasmesso il fascicolo contenente la notizia di reato, la documentazione relativa alle indagini espletate e i verbali degli atti compiuti davanti al giudice per le indagini preliminari.
    2. L'avviso della richiesta è notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa che, nella notizia di reato o successivamente alla sua presentazione, abbia dichiarato di volere essere informata circa l'eventuale archiviazione.
    3. Nell'avviso è precisato che, nel termine di dieci giorni, la persona offesa può prendere visione degli atti e presentare opposizione con richiesta motivata di prosecuzione delle indagini preliminari.
    3-bis. Per i delitti commessi con violenza alla persona, l'avviso della richiesta di archiviazione è in ogni caso notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa ed il termine di cui al comma 3 è elevato a venti giorni.
  2. Art. 408 c.p.p. Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato.

    Vigente dal: 03/08/2017 Vigente al:
    Testo precedente
    Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato
    1. Entro i termini previsti dagli articoli precedenti, il pubblico ministero, se la notizia di reato è infondata, presenta al giudice richiesta di archiviazione. Con la richiesta è trasmesso il fascicolo contenente la notizia di reato, la documentazione relativa alle indagini espletate e i verbali degli atti compiuti davanti al giudice per le indagini preliminari.
    2. L'avviso della richiesta è notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa che, nella notizia di reato o successivamente alla sua presentazione, abbia dichiarato di volere essere informata circa l'eventuale archiviazione.
    3. Nell'avviso è precisato che, nel termine di dieci giorni, la persona offesa può prendere visione degli atti e presentare opposizione con richiesta motivata di prosecuzione delle indagini preliminari.
    3-bis. Per i delitti commessi con violenza alla persona, l'avviso della richiesta di archiviazione è in ogni caso notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa ed il termine di cui al comma 3 è elevato a venti giorni.
    Testo modificato
    Richiesta di archiviazione per infondatezza della notizia di reato
    1. Entro i termini previsti dagli articoli precedenti, il pubblico ministero, se la notizia di reato è infondata, presenta al giudice richiesta di archiviazione. Con la richiesta è trasmesso il fascicolo contenente la notizia di reato, la documentazione relativa alle indagini espletate e i verbali degli atti compiuti davanti al giudice per le indagini preliminari.
    2. L'avviso della richiesta è notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa che, nella notizia di reato o successivamente alla sua presentazione, abbia dichiarato di volere essere informata circa l'eventuale archiviazione.
    3. Nell'avviso è precisato che, nel termine di venti giorni, la persona offesa può prendere visione degli atti e presentare opposizione con richiesta motivata di prosecuzione delle indagini preliminari.
    3-bis. Per i delitti commessi con violenza alla persona e per il reato di cui all'articolo 624-bis del codice penale, l'avviso della richiesta di archiviazione è in ogni caso notificato, a cura del pubblico ministero, alla persona offesa ed il termine di cui al comma 3 è elevato a trenta giorni.

Giurisprudenza

Cassazione Penale Sez. V Sentenza 03 Aug 2017, n. 38796

L'opposizione della persona offesa alla richiesta di archiviazione proposta oltre il termine di dieci giorni dalla notifica dell'avviso della richiesta non ne determina l'inammissibilità, essendo tale termine ordinatorio e non perentorio, e non esonera, quindi, il giudice che nel frattempo non abbia già provveduto, dal valutarla.

Cassazione Penale Sez. I Sentenza 10 Mar 2017, n. 11897

La richiesta di essere informato in caso di archiviazione può essere proposta, in difetto della previsione di alcuna formalità da parte dell'art. 408 c.p.p., comma 2, in forma scritta utilizzando una modalità che, assicurando la provenienza dell'atto dal soggetto legittimato, sia idonea allo scopo di garantire che pervenga al P.M. destinatario prima della decisione del GIP sulla richiesta di archiviazione.

Cassazione Penale Sez. V Sentenza 28 Jun 2017, n. 31675

L'omesso avviso della richiesta di archiviazione alla persona offesa che ne abbia fatto richiesta, determinando la violazione del contraddittorio, comporta la conseguente nullità ex art. 127 c.p.p., comma 5, del decreto di archiviazione (Sez. 3, n. 38745 del 19/05/2016), che può essere impugnato con ricorso per cassazione nel termine ordinario di quindici giorni dal momento in cui la persona offesa ha avuto notizia del provvedimento.

Cassazione Penale Sez. II Sentenza 13 Oct 2016, n. 43494

L'associazione che vuole costituirsi come persona offesa deve avere una posizione soggettiva tutelabile in relazione al bene giuridico protetto.

Cassazione Penale Sez. V Sentenza 10 Oct 2016, n. 42791

E' possibile per la persona offesa di depositare l'atto di opposizione alla richiesta di archiviazione anche presso la segreteria del pubblico ministero. D'altra parte apparirebbe illogica l'esclusione della possibilità, per la parte che abbia ricevuto la notifica della richiesta di opposizione dall'ufficio del pubblico ministero, di depositare l'opposizione direttamente presso l'ufficio di provenienza della richiesta contro cui l'opposizione stessa è diretta.

Cassazione Penale SS.UU. Sentenza 28 Nov 2013, n. 4319

In materia di provvedimenti del giudice per le indagini preliminari sulla richiesta di archiviazione, le disposizioni contenute nell'art. 409, comma quarto e 5 cod.proc.pen., devono formare oggetto di rigorosa interpretazione, al fine di evitare qualsiasi ingerenza dell'organo giudicante nella sfera di autonomia della pubblica accusa.