Art. 517 c.p.p. Reato concorrente e circostanze aggravanti risultanti dal dibattimento.

Ultimo aggiornamento: 25 marzo 2016

Giurisprudenza

Corte Costituzionale Sentenza 11 apr 2019, n. 82

Illegittimità costituzionale dell’art. 517 del codice di procedura penale, nella parte in cui non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento l’applicazione della pena, a norma dell’art. 444 cod. proc. pen., relativamente al reato concorrente emerso nel corso del dibattimento e che forma oggetto di nuova contestazione.

Corte Costituzionale Sentenza 05 lug 2018, n. 141

Illegittimità costituzionale dell’art. 517 del codice di procedura penale, nella parte in cui, in seguito alla nuova contestazione di una circostanza aggravante, non prevede la facoltà dell’imputato di richiedere al giudice del dibattimento la sospensione del procedimento con messa alla prova.