Storico delle modifiche apportate all'articolo 238 Codice di Procedura Penale (Disposizioni) aggiornato al 2021

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 238 disp. att. c.p.p. (Individuazione del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari nei procedimenti di assise.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 238 disp. att. c.p.p. Individuazione del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari nei procedimenti di assise.

    Vigente dal: 22/11/1991 Vigente al:
    Testo precedente
    Individuazione del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari nei procedimenti di assise
    1. Per i reati di competenza della corte di assise le indagini preliminari sono svolte dal procuratore della Repubblica presso il tribunale individuato a norma degli articoli 8, 9, 10, 11 e 16 del codice. Con i medesimi criteri è individuato il giudice per le indagini preliminari.
    2. Il procuratore della Repubblica indicato nel comma 1 partecipa al dibattimento davanti alla corte di assise e, nelle ipotesi di giudizio direttissimo, presenta l'imputato davanti al giudice del dibattimento.
    3. Sono abrogati gli articoli 3 e 4 della legge 24 novembre 1951 n. 1324.
    Testo modificato
    Individuazione del pubblico ministero e del giudice per le indagini preliminari nei procedimenti di assise
    1. Per i reati di competenza della corte di assise le indagini preliminari sono svolte dal procuratore della Repubblica presso il tribunale individuato a norma degli articoli 8, 9, 10, 11 e 16 del codice. Con i medesimi criteri è individuato il giudice per le indagini preliminari. E' fatto salvo quanto previsto dagli articoli 51 comma 3- bis e 328 comma 1- bis del codice.
    2. Il procuratore della Repubblica indicato nel comma 1 partecipa al dibattimento davanti alla corte di assise e, nelle ipotesi di giudizio direttissimo, presenta l'imputato davanti al giudice del dibattimento.
    3. Sono abrogati gli articoli 3 e 4 della legge 24 novembre 1951 n. 1324.