Storico delle modifiche apportate all'articolo 129 Disposizioni di Attuazione del Codice di Procedura Civile aggiornato al 2019

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 129 disp. att. c.p.c. (Riserva d'appello. Estinzione del processo.).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 129 disp. att. c.p.c. Riserva d'appello. Estinzione del processo.

    Vigente dal: 01/01/1951 Vigente al:
    Testo precedente
    Appello delle sentenze parziali
    1. La riserva d'appello contro le sentenze parziali prevista dall'articolo 340 del codice, quando non è proposta col ricorso di cui all'articolo 284 del codice, è fatta all'udienza con dichiarazione orale da inserirsi nel processo verbale o con dichiarazione scritta su foglio a parte da allegarsi ad esso.
    2. Se il processo si estingue in primo grado, le sentenze parziali di merito acquistano efficacia di sentenze definitive dal momento in cui si verifica la non impugnabilità dell'ordinanza che pronuncia l'estinzione del processo.
    Testo modificato
    Riserva d'appello. Estinzione del processo
    1. La riserva d'appello contro le sentenze previste nell'art. 278 e nel n. 4 del secondo comma dell'articolo 279 del Codice, può essere fatta, nell'udienza del giudice istruttore con dichiarazione orale da inserirsi nel processo verbale, o con dichiarazione scritta su foglio a parte da allegarsi ad esso.
    2. La riserva può essere fatta anche con atto notificato ai procuratori delle altre parti costituite, a norma dell'art. 170 primo e terzo comma, del Codice, o personalmente alla parte, se questa non è costituita.
    3.
    Se il processo si estingue in primo grado, la sentenza di merito contro la quale fu fatta la riserva acquista efficacia di sentenza definitiva dal giorno in cui diventa irrevocabile l'ordinanza, o passa in giudicato la sentenza, che pronuncia l'estinzione del processo.
    4. Da questa data decorrono i termini stabiliti dall'articolo 325 del Codice per impugnare la sentenza già notificata, e, se questa non è stata notificata, decorre il termine di decadenza stabilito dall'art. 327 del Codice stesso.