Storico delle modifiche apportate all'articolo 137 T.U. Edilizia aggiornato al 2020

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 137 T.U. Edilizia (Norme che rimangono in vigore).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 137 T.U. Edilizia Norme che rimangono in vigore

    Vigente dal: 12/11/2014 Vigente al:
    Testo precedente
    Norme che rimangono in vigore
    1. Restano in vigore le seguenti disposizioni:
    a) legge 17 agosto 1942, n. 1150 e successive modificazioni ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera b);
    b) legge 5 agosto 1978, n. 457 e successive modificazioni;
    c) legge 28 febbraio 1985, n. 47 ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera f);
    d) legge 24 marzo 1989, n. 122;
    e) articolo 17-bis del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 203;
    f) articolo 2, comma 58, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.
    2. Restano in vigore, per tutti i campi di applicazione originariamente previsti dai relativi testi normativi e non applicabili alla parte I di questo testo unico, le seguenti leggi:
    a) legge 5 novembre 1971, n. 1086;
    b) legge 2 febbraio 1974, n. 64;
    c) legge 9 gennaio 1989, n. 13;
    d) legge 5 marzo 1990, n. 46;
    e) legge 9 gennaio 1991, n. 10;
    f) legge 5 febbraio 1992, n. 104;
    3. All'articolo 9 della legge 24 marzo 1989, n. 122, il comma 2 è sostituito dal seguente:
    "2. L'esecuzione delle opere e degli interventi previsti dal comma 1 è soggetta a denuncia di inizio attività.".
    Testo modificato
    Norme che rimangono in vigore
    1. Restano in vigore le seguenti disposizioni:
    a) legge 17 agosto 1942, n. 1150 e successive modificazioni ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera b);
    b) legge 5 agosto 1978, n. 457 e successive modificazioni;
    c) legge 28 febbraio 1985, n. 47 ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera f);
    d) legge 24 marzo 1989, n. 122;
    e) articolo 17-bis del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 203;
    f) articolo 2, comma 58, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.
    2. Restano in vigore, per tutti i campi di applicazione originariamente previsti dai relativi testi normativi e non applicabili alla parte I di questo testo unico, le seguenti leggi:
    a) legge 5 novembre 1971, n. 1086;
    b) legge 2 febbraio 1974, n. 64;
    c) legge 9 gennaio 1989, n. 13;
    d) legge 5 marzo 1990, n. 46;
    e) legge 9 gennaio 1991, n. 10;
    f) legge 5 febbraio 1992, n. 104;
    3. All'articolo 9 della legge 24 marzo 1989, n. 122, il comma 2 è sostituito dal seguente:
    "2. L'esecuzione delle opere e degli interventi previsti dal comma 1 è soggetta a segnalazione certificata di inizio attività.".