Storico delle modifiche apportate all'articolo 137 TU Edilizia aggiornato al 2019

Pubblichiamo il testo integrale del nuovo articolo 137 T.U. Edilizia (L Norme che rimangono in vigore).
Tramite la barra temporale è possibile mettere a confronto le modifiche apportate nel tempo.
Fonte: Normattiva.it (testo non ufficiale a carattere non autentico e gratuito)

  1. Art. 137 T.U. Edilizia L Norme che rimangono in vigore

    Vigente dal: 12/11/2014 Vigente al:
    Testo precedente
    L Norme che rimangono in vigore
    1. Restano in vigore le seguenti disposizioni:
    a) legge 17 agosto 1942, n. 1150 e successive modificazioni ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera b);
    b) legge 5 agosto 1978, n. 457 e successive modificazioni;
    c) legge 28 febbraio 1985, n. 47 ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera f);
    d) legge 24 marzo 1989, n. 122;
    e) articolo 17-bis del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 203;
    f) articolo 2, comma 58, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.
    2. Restano in vigore, per tutti i campi di applicazione originariamente previsti dai relativi testi normativi e non applicabili alla parte I di questo testo unico, le seguenti leggi:
    a) legge 5 novembre 1971, n. 1086;
    b) legge 2 febbraio 1974, n. 64;
    c) legge 9 gennaio 1989, n. 13;
    d) legge 5 marzo 1990, n. 46;
    e) legge 9 gennaio 1991, n. 10;
    f) legge 5 febbraio 1992, n. 104;
    3. All'articolo 9 della legge 24 marzo 1989, n. 122, il comma 2 è sostituito dal seguente:
    "2. L'esecuzione delle opere e degli interventi previsti dal comma 1 è soggetta a denuncia di inizio attività.".
    Testo modificato
    L Norme che rimangono in vigore
    1. Restano in vigore le seguenti disposizioni:
    a) legge 17 agosto 1942, n. 1150 e successive modificazioni ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera b);
    b) legge 5 agosto 1978, n. 457 e successive modificazioni;
    c) legge 28 febbraio 1985, n. 47 ad eccezione degli articoli di cui all'articolo 136, comma 2, lettera f);
    d) legge 24 marzo 1989, n. 122;
    e) articolo 17-bis del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito in legge 12 luglio 1991, n. 203;
    f) articolo 2, comma 58, della legge 23 dicembre 1996, n. 662.
    2. Restano in vigore, per tutti i campi di applicazione originariamente previsti dai relativi testi normativi e non applicabili alla parte I di questo testo unico, le seguenti leggi:
    a) legge 5 novembre 1971, n. 1086;
    b) legge 2 febbraio 1974, n. 64;
    c) legge 9 gennaio 1989, n. 13;
    d) legge 5 marzo 1990, n. 46;
    e) legge 9 gennaio 1991, n. 10;
    f) legge 5 febbraio 1992, n. 104;
    3. All'articolo 9 della legge 24 marzo 1989, n. 122, il comma 2 è sostituito dal seguente:
    "2. L'esecuzione delle opere e degli interventi previsti dal comma 1 è soggetta a segnalazione certificata di inizio attività.".